• Home

Cos'è?

La Fap Acli di Vicenza ha attivato all’ interno del sito web delle ACLI Vicentine una sezione riservata ai propri soci e dedicata alla formazione permanente. Si tratta di video-incontri su argomenti inerenti la prevenzione delle malattie e la promozione della salute e del benessere psico-fisico attraverso corretti stili di vita. Proporremo anche temi culturali e artistici e argomenti di vita spirituale, di fede e di dottrina sociale cristiana. Approfondiremo anche alcuni importanti problemi che interrogano la nostra società come ad esempio la tutela dell'ambiente, lo sviluppo sostenibile. Proponiamo inoltre incontri di avviamento e addestramento all' utilizzo delle tecnologie digitali che stanno avendo un forte impatto nella nostra vita quotidiana,

L'obiettivo di questa iniziativa è di fornire degli strumenti per aiutarci a invecchiare bene e in salute restando attivi e ancora protagonisti nelle relazioni familiari e sociali.

Se avete anche voi suggerimenti e proposte di argomenti da approfondire, saremo lieti di accoglierli e studiarli con l'aiuto dei nostri esperti.

L’ accesso ai video-incontri formativi potrà essere da voi effettuato in qualsiasi momento della giornata, secondo le vostre disponibilità di tempo, potendoli vedere anche più volte, qualora foste interessati.

Sono già disponibili numerosi video per approfondire il tema di “Invecchiare Bene ed in Salute”, “La Conferenza di Parigi sul Clima”, “La Palestra

Guardate il video-invito qui sotto

 

Cosa bisogna fare per accedere la prima volta alla piattaforma formativa?

 Non è difficile, basta utilizzare un dispositivo digitale (computer, smartphone, tablet e simili) e avere un indirizzo e-mail da comunicarci, insieme ad alcuni dati anagrafici di base che ci permettono di trattare le vostre informazioni in maniera corretta e responsabile.

Premete il pulsante qui sotto per compilare la scheda di partecipazione e ricevere, nel tempo più breve possibile, le credenziali di accesso con le istruzioni

 

 

Altro in questa categoria: « Nonni e nipoti al tempo del coronavirus