Articoli filtrati per data: Febbraio 2021

La casa è uno degli elementi qualificanti per garantire dignità all’essere umano e renderlo, a tutti gli effetti, una “persona”. Chi vive in strada, perché non ha una fissa dimora, per le più disparate ragioni, vive la frustrazione che questo stato determina, ma non di meno necessita di un aiuto per le cose essenziali ad assicurare un’esistenza dignitosa.

È proprio a partire da queste considerazioni che le ACLI Sede provinciale di Vicenza aps hanno ritenuto importante continuare a far sentire la propria presenza, al fianco della Caritas Diocesana Vicentina. E così, in linea con quanto fatto lo scorso anno, hanno deciso di donare dei prodotti di prima necessità, per garantire l’igiene personale alle persone senza fissa dimora.

“È fondamentale dare voce agli “invisibili”, a quelle persone che spesso incontriamo, ma di fronte alle quali proviamo imbarazzo o indifferenza. Questo atteggiamento non può continuare, in quanto si traduce in un pugno allo stomaco - spiegano il presidente delle ACLI Sede provinciale di Vicenza aps, Carlo Cavedon ed il segretario provinciale Fap Acli di Vicenza, Renzo Grison – rispetto ad una società che ritiene di essere civile ed emancipata. Per questo abbiamo rinnovato il nostro impegno, al fianco della Caritas Diocesana Vicentina, donando materiali di prima necessità per le persone senza fissa dimora. Un gesto che vuole rappresentare la vicinanza delle Acli alla Caritas ed a chi sta soffrendo. È, soprattutto, un segno che dimostra come i soldi del cinque per mille destinati alle Acli vanno al territorio ed alle fasce più deboli”.

Un progetto di valore. “Questa iniziativa realizzata con la Caritas Diocesana Vicentina – concludono Cavedon e Grison – si propone di rendere ciascun cittadino consapevole delle difficoltà che molte famiglie e persone stanno vivendo. Di fronte alle difficoltà occorre reagire, ma anche agire. Questo è ciò che i padri costituenti la nostra associazione ci hanno insegnato, in particolare il nostro fondatore, Achille Grandi, quando ha pronunciato le tre fedeltà: alla democrazia, alla Chiesa ed al lavoro. A ciascuno va garantita la dignità. E noi aclisti ci adopereremo, per quanto possibile, per fare la nostra parte, affinché ciò avvenga”.

Soddisfazione per il progetto realizzato da ACLI Sede provinciale di Vicenza aps e Fap Acli di Vicenza è stata espressa anche da don Enrico Pajarin, direttore di Caritas Diocesana Vicentina: “Ringraziamo le ACLI di Vicenza aps per questa nuova importante donazione, che si aggiunge alle altre fatte in passato. È per noi importante avere il supporto di realtà come questa, con il fine ultimo di dare sostegno a persone e famiglie in difficoltà, numericamente in forte crescita a causa del protrarsi di questa crisi pandemica”.

Pubblicato in Notizie