Articoli filtrati per data: Maggio 2020

Coronavirus Fase 2: le Acli vicentine si riorganizzano e non vi lasciano soli
Per la vostra dichiarazione dei redditi contate sempre e comunque su di noi

Era un passo che attendevamo di compiere da tempo e, finalmente, possiamo riaprire le porte delle nostre sedi al pubblico, seppur nel meticoloso rispetto delle disposizioni di sicurezza anti-contagio stabilite dagli ultimi provvedimenti governativi.

Anche per noi, quindi, scocca la cosiddetta Fase 2. Non ci nascondiamo che tutto sarà molto diverso da come lo abbiamo lasciato quando l’irrompere della quarantena su tutto il territorio nazionale ci ha costretto a chiudere i battenti ed a restare a casa. Da allora abbiamo fatto del nostro meglio per non lasciarvi senza il nostro supporto, pur con tutte le oggettive difficoltà ed i rallentamenti del caso. Ma quel che è certo è che non ci siamo mai tirati indietro.

Con i nostri uffici riaperti e pienamente operativi, possiamo rivederci e rivedere popolarsi le scrivanie e le stanze. Questo è il primo tangibile (e gradevole) segno di un lento ritorno alla normalità. Se fino a poco fa siamo rimasti chiusi, non è stato certo per nostra scelta, ma perché erano le misure straordinarie di quarantena ad imporcelo ed anche per poter riallestire al meglio i nostri uffici per poter garantire a tutti (lavoratori e clienti) la massima sicurezza al momento della riapertura.

Adesso, con l’avvio della Fase 2 siamo lieti di riaprire anche fisicamente le porte dei nostri uffici. Non possiamo però esimerci, come accennato, dal fare i conti con le disposizioni di legge, che pur permettendoci la riapertura ci impongono il rispetto reciproco di determinate misure di sicurezza, come il mantenimento della distanza sociale, la costante pulizia e sanificazione degli ambienti, l’utilizzo di mascherine, disinfettanti e guanti.

Sostanzialmente, in questa fase le nostre sedi riaprono al pubblico previo appuntamento. Nell’esprimervi la nostra gioia di riavervi a bordo, vi chiediamo anche un po’ più di pazienza e comprensione e l’osservanza, anche da parte vostra, delle disposizioni di sicurezza: l’accesso ai nostri uffici è consentito previo appuntamento (non più di due persone per nucleo familiare) rispettando la distanza sociale, mediante utilizzo di guanti e mascherine.

In ogni caso, la vostra cura sarà anche nostra cura: presso i nostri Uffici è disponibile il gel detergente per le mani all’ingresso ed i guanti.

Bentornati a tutti! Da parte nostra, oltre alla riapertura in totale sicurezza delle nostre sedi, per consentirvi di fissare comodamente l’appuntamento nei nostri uffici, abbiamo ancor di più rafforzato il presidio dei nostri canali di contatto telefonici e via mail. I servizi di appuntamento telefonico tramite il nostro call center sono confermati: i nostri operatori sono sempre presenti, fisicamente o via telefono per aiutare la persona a fissare l’appuntamento e/o a sbrigare/risolvere qualsiasi altro problema.

In secondo luogo, pur riaprendo gli uffici abbiamo comunque mantenuto l’offerta dei nostri servizi a distanza, costituiti sia dalla possibilità di prenotazione non solo tramite call center, ma anche, 24 ore su 24, attraverso il risponditore automatico o tramite il nostro portale internet, alla puntuale risposta delle vostre richieste inviate tramite mail. Inoltre, stiamo dando seguito, anche in questa fase, alla possibilità di inviarci la documentazione per il disbrigo delle pratiche, dal 730, all’Isee, alle varie pratiche pensionistiche, attraverso canali nuovi che non siano solo la mail, ma anche attraverso WhattsApp ed il nostro portale MY CAF, insomma tutto ciò che l’era digitale ci offre.

Il nostro personale, attraverso questi strumenti, offre tutta la sua abituale disponibilità e competenza per poter continuare a svolgere la propria attività e, soprattutto, per dare modo a voi cittadini di adempiere ai doveri fiscali da una parte e dall’altra di far valere i propri diritti fiscali e previdenziali senza perderne alcuno.

Rimane un periodo difficile, ma passerà. Ci siamo sempre e potete contare su di noi.

Pubblicato in Notizie

Teniamo al tuo tempo e per questo abbiamo a disposizione 4 modalità per contattarci:

  • Tramite il nostro numero unico 0444955002,attivo dal lunedì al venerdìdalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 18
  • Inoltre, per te che hai già avuto modo di usufruire dei nostri servizi almeno una volta, abbiamo un sistema di riconoscimento numerico che ti permetterà di prenotare un appuntamento tramite la voce automatizzata del nostro centralino 24 ore su 24, 7 giorni su 7 chiamando 04441429933
  • Online direttamente dal sito  https://www.cafacli.it/it/
  • Tramite e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., specificando nell'oggetto: nome, cognome e oggetto della richiesta
Pubblicato in Notizie

Le ACLI Sede provinciale di Vicenza aps e la Fap Acli di Vicenza hanno attivato uno Sportello telefonico di ascolto come segno di ulteriore vicinanza e sostegno ai cittadini ed alle famiglie del territorio vicentino in questi momenti di crisi sanitaria e grande emergenza sociale.

“Lo Sportello telefonico offre a famiglie, genitori ed anziani un servizio di ascolto e sostegno completamente gratuito – commentano il presidente provinciale delle ACLI Sede provinciale di Vicenza aps, Carlo Cavedon ed il segretario provinciale della Fap Acli di Vicenza, Renzo Grison – per aiutarli ad affrontare questi momenti particolarmente difficili dovuti all’epidemia da covid-19, che possono determinare ansia, crisi personali e difficoltà nelle relazioni familiari, situazioni stressanti provocate da malattie, lutti, solitudine, disagio economico, difficoltà lavorative o scolastiche dei figli”.

Situazioni spesso latenti nella quotidianità, ma che la pandemia può aver reso manifeste per la stretta convivenza forzata, lo stress a cui siamo esposti, l’isolamento ed il senso di angoscia che la quarantena ed il futuro incerto possono indurre.

Si tratta di un servizio di ascolto attivo telefonicamente nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 9 alle 11, allo 0444.870770.

“Si potrà interloquire con operatori appositamente formati – concludono Cavedon e Grison – che, valutate le richieste, fisseranno un eventuale successivo appuntamento telefonico con un professionista di riferimento per le diverse problematiche poste”.

L’attività rientra nell’ambito del progetto “Le Acli Vicentine al servizio della comunità locale – Progetto Finanziato con risorse del 5x1000 IRPEF – ANNO 2017”.

Per informazioni generali sullo sportello o per fissare un primo appuntamento è possibile anche scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando il proprio nominativo, recapito telefonico e problematica e si verrà contattati da un operatore.

Pubblicato in Notizie

Un segno di solidarietà e speranza per i senza fissa dimora. Le ACLI Sede provinciale di Vicenza aps rispondono all’appello della Caritas Diocesana Vicentina, in linea con quanto fatto lo scorso anno, donando dei prodotti di prima necessità, per garantire l’igiene personale.

“Si tratta di un progetto che proponiamo per il secondo anno – spiega il presidente delle ACLI Sede provinciale di Vicenza aps, Carlo Cavedon – per dare un aiuto alla Caritas Diocesana Vicentina con materiali di prima necessità per le persone senza fissa dimora. Un gesto che vuole rappresentare la vicinanza delle Acli alla Caritas ed a chi sta soffrendo. È, soprattutto, un segno che dimostra come i soldi del cinque per mille destinati alle Acli vanno al territorio ed alle fasce più deboli”.

Un’iniziativa che rappresenta chiaramente i valori dell’Associazione. “I valori della democrazia e la fedeltà alla Chiesa sono valori fondanti delle Acli – aggiunge il presidente Cavedon – tanto più in questo momento molto critico, che sta generando delle problematiche sociali ed economiche non di poco conto”. L’attività rientra nell’ambito del progetto “Le Acli Vicentine al servizio della comunità locale – Progetto Finanziato con risorse del 5x1000 IRPEF – ANNO 2017”.

In ascolto per fornire risposte concrete ai cittadini. Le ACLI Sede provinciale di Vicenza aps e la Fap Acli di Vicenza, a seguito della pandemia da Covid-19, si sono riorganizzate ed hanno messo a punto servizi nuovi per continuare ad essere dalla parte della gente. “Nel tentativo di mantenere il contatto ravvicinato con i nostri soci ed utenti – spiega il segretario provinciale della Fap Acli di Vicenza, Renzo Grison – abbiamo attivato un centro di ascolto telefonico. Una modalità per aiutare adulti ed anziani, che in questo momento si trovano a vivere delle tensioni derivanti sia da problemi di salute, che da problematiche economiche e dalla difficoltà di immaginare quale sarà il proprio futuro. Degli operatori appositamente formati risponderanno al telefono e, nel caso le situazioni rilevate siano particolarmente importanti, dei professionisti entreranno in gioco per contribuire ad aiutare gli utenti a superare questi momenti”.

Soddisfazione per il progetto realizzato da ACLI Sede provinciale di Vicenza aps e Fap Acli di Vicenza è stata espressa anche da don Enrico Pajarin, direttore di Caritas Diocesana Vicentina: “Caritas Diocesana Vicentina ringrazia le Acli per il dono che ci hanno fatto. Si tratta di beni per persone in difficoltà, perché possano affrontare questo tempo di emergenza Covid. Grazie veramente per la generosità".

Pubblicato in Notizie