Articoli filtrati per data: Marzo 2019

“Il mercato del lavoro in Veneto” è il tema dell’incontro in programma martedì 2 aprile alle 9.30 nella sede Enaip Veneto di Vicenza, in via Napoli n. 11, che vedrà protagonisti i consulenti del lavoro Antonio Stella e Monica Zanotto.
L’incontro rientra nell’ambito della programmazione associativa del Sistema Acli 2018/2019, realizzata dalle Acli vicentine in collaborazione con il Punto Famiglia, Circoli Acli locali, la Fap Acli e l’US Acli provinciali e rappresenta un’opportunità per la cittadinanza. Partner della rassegna, naturalmente, sarà Enaip Veneto di Vicenza e Bassano del Grappa.
Nel caso specifico dell’incontro del 2 aprile, è coinvolto il Coordinamento dei Circoli Acli della Città di Vicenza, da anni attivi nel territorio, dove promuove iniziative culturali e formative.
"L’incontro è rivolto anzitutto alla formazione ed educazione dei giovani, e spazia su tematiche di estrema attualità – commenta il presidente provinciale delle Acli di Vicenza, Carlo Cavedon – oltre a stimolare una discussione su tematiche molto vicine alle sensibilità che dal punto di vista associativo ci appartengono. Quasi ogni giorno la stampa ci riporta fatti di estrema gravità che manifestano un oggettivo problema legato alla formazione ed educazione dei nostri giovani, ma anche rispetto ai diversi scenari del mercato del lavoro. Una situazione difronte alla quale non possiamo restare indifferenti”.
Le Acli si sono interrogate al proprio interno e ritengono opportuno stabilire un’interlocuzione privilegiata con il mondo della scuola, per questo il lavoro ha preso il via dall’Enaip, Ente di formazione fondato dalle Acli e con il quale l’Associazione condivide mission e valori. “La formazione può essere considerata una prerogativa del mondo scolastico – conclude il presidente Cavedon – ma anche il mondo associativo, in particolare l’Associazionismo cattolico ha una responsabilità ed un ruolo che può decidere di porre in atto proficuamente. Le Acli di Vicenza vogliono farlo, intendono essere protagoniste in un Paese spesso dominato dall’indifferenza e dall’immobilismo”.

Pubblicato in Notizie

“I giovani riceveranno una pensione? E chi la pagherà?” è il tema dell’incontro in programma martedì 26 marzo alle 9.30 nella sede Enaip Veneto di Vicenza, in via Napoli n. 11, che vedrà protagonista Gianpiero Dalla Zuanna, professore di Demografia all’Università di Padova. L’incontro rientra nell’ambito della programmazione associativa del Sistema Acli 2018/2019, realizzata dalle Acli vicentine in collaborazione con il Punto Famiglia, Circoli Acli locali, la Fap Acli e l’US Acli provinciali e rappresenta un’opportunità per la cittadinanza. Partner della rassegna, naturalmente, sarà Enaip Veneto di Vicenza e Bassano del Grappa. Nel caso specifico dell’incontro del 26 marzo, sarà coinvolto il Coordinamento dei Circoli Acli della Città di Vicenza, da anni attivo nel territorio, dove promuovono iniziative culturali e formative. "L’incontro è rivolto anzitutto alla formazione ed educazione dei giovani, e spazia su argomenti di estrema attualità – commenta il presidente provinciale delle Acli di Vicenza, Carlo Cavedon – oltre a stimolare una discussione su tematiche molto vicine alle sensibilità che dal punto di vista associativo ci appartengono. Quasi ogni giorno la stampa ci riporta fatti di estrema gravità, che manifestano un oggettivo problema legato alla formazione ed educazione dei nostri giovani, i giovani non sono affatto refrattari rispetto all’acquisizione di informazioni. Noi adulti dobbiamo farci parte attiva nel coinvolgerli in una società che è e sarà loro, più che nostra”. Le Acli si sono interrogate al proprio interno e ritengono opportuno stabilire un’interlocuzione privilegiata con il mondo della scuola, per questo il lavoro ha preso il via dall’Enaip, Ente di formazione fondato dalle Acli e con il quale l’Associazione condivide mission e valori. “La formazione può essere considerata una prerogativa del mondo scolastico – conclude il presidente Cavedon – ma anche il mondo associativo, in particolare l’Associazionismo cattolico ha una responsabilità ed un ruolo che può decidere di porre in atto proficuamente. Le Acli di Vicenza vogliono farlo, intendono essere protagoniste in un Paese spesso dominato dall’indifferenza e dall’immobilismo. L’incontro con Dalla Zuanna sarà fondamentale per gli studenti partecipanti alla sessione formativa, per comprendere quali scenari dovranno affrontare nel loro percorso professionale e di vita”.

Pubblicato in Notizie

“I giovani riceveranno una pensione? E chi la pagherà?” è il tema dell’incontro in programma giovedì 28 marzo alle 9.30 nella sede Enaip Veneto di Bassano del Grappa, in via Cristoforo Colombo n. 94, che vedrà protagonista Gianpiero Dalla Zuanna, professore di Demografia all’Università di Padova.
L’incontro rientra nell’ambito della programmazione associativa del Sistema Acli 2018/2019, realizzata dalle Acli vicentine in collaborazione con il Punto Famiglia, Circoli Acli locali, la Fap Acli e l’US Acli provinciali e rappresenta un’opportunità per la cittadinanza. Partner della rassegna, naturalmente, sarà Enaip Veneto di Vicenza e Bassano del Grappa.
Nel caso specifico dell’incontro del 28 marzo, saranno coinvolti i Circoli Acli dell’Area Bassanese, da anni attivi nel territorio, dove promuovono iniziative culturali e formative.
"L’incontro è rivolto anzitutto alla formazione ed educazione dei giovani, e spazia su argomenti di estrema attualità – commenta il presidente provinciale delle Acli di Vicenza, Carlo Cavedon – oltre a stimolare una discussione su tematiche molto vicine alle sensibilità che dal punto di vista associativo ci appartengono. Quasi ogni giorno la stampa ci riporta fatti di estrema gravità, che manifestano un oggettivo problema legato alla formazione ed educazione dei nostri giovani, i giovani non sono affatto refrattari rispetto all’acquisizione di informazioni. Noi adulti dobbiamo farci parte attiva nel coinvolgerli in una società che è e sarà loro, più che nostra”.
Le Acli si sono interrogate al proprio interno e ritengono opportuno stabilire un’interlocuzione privilegiata con il mondo della scuola, per questo il lavoro ha preso il via dall’Enaip, Ente di formazione fondato dalle Acli e con il quale l’Associazione condivide mission e valori. “La formazione può essere considerata una prerogativa del mondo scolastico – conclude il presidente Cavedon – ma anche il mondo associativo, in particolare l’Associazionismo cattolico ha una responsabilità ed un ruolo che può decidere di porre in atto proficuamente. Le Acli di Vicenza vogliono farlo, intendono essere protagoniste in un Paese spesso dominato dall’indifferenza e dall’immobilismo. L’incontro con Dalla Zuanna sarà fondamentale per gli studenti partecipanti alla sessione formativa, per comprendere quali scenari dovranno affrontare nel loro percorso professionale e di vita”.

Pubblicato in Notizie
Venerdì, 22 Marzo 2019 10:30

Campagna fiscale 2019

 

Dall'11 marzo è ufficialmente aperta la Campagna fiscale 2019, pertanto è possibile fissare il proprio appuntamento per consulenze o per l'elaborazione della dichiarazione dei redditi. L’appuntamento potrà essere fissato in diverse modalità:

 

TELEFONICAMENTE, contattando il call center ai numeri 0444.955002 o 0444.870700

 

H24, se si è già clienti Caf Acli, contattando lo 0444.1429933

 

ONLINE, dal sito www.mycaf.it

 

VIA MAIL, inviando una richiesta a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Notizie

“Il mercato del lavoro in Veneto” è il tema dell’incontro in programma giovedì 21 marzo alle 9.30 nella sede Enaip Veneto di Bassano del Grappa, in via Cristoforo Colombo n. 94, che vedrà protagonisti i consulenti del lavoro Antonio Stella e Monica Zanotto.
L’incontro rientra nell’ambito della programmazione associativa del Sistema Acli 2018/2019, realizzata dalle Acli vicentine in collaborazione con il Punto Famiglia, Circoli Acli locali, la Fap Acli e l’US Acli provinciali e rappresenta un’opportunità per la cittadinanza. Partner della rassegna, naturalmente, sarà Enaip Veneto di Vicenza e Bassano del Grappa.
Nel caso specifico dell’incontro del 21 marzo, sono coinvolti i Circoli Acli dell’Area Bassanese, da anni attivi nel territorio, dove promuovono iniziative culturali e formative.
"L’incontro è rivolto anzitutto alla formazione ed educazione dei giovani, e spazia su tematiche di estrema attualità – commenta il presidente provinciale delle Acli di Vicenza, Carlo Cavedon – oltre a stimolare una discussione su tematiche molto vicine alle sensibilità che dal punto di vista associativo ci appartengono. Quasi ogni giorno la stampa ci riporta fatti di estrema gravità che manifestano un oggettivo problema legato alla formazione ed educazione dei nostri giovani, ma anche rispetto ai diversi scenari del mercato del lavoro. Una situazione difronte alla quale non possiamo restare indifferenti”.
Le Acli si sono interrogate al proprio interno e ritengono opportuno stabilire un’interlocuzione privilegiata con il mondo della scuola, per questo il lavoro ha preso il via dall’Enaip, Ente di formazione fondato dalle Acli e con il quale l’Associazione condivide mission e valori. “La formazione può essere considerata una prerogativa del mondo scolastico – conclude il presidente Cavedon – ma anche il mondo associativo, in particolare l’Associazionismo cattolico ha una responsabilità ed un ruolo che può decidere di porre in atto proficuamente. Le Acli di Vicenza vogliono farlo, intendono essere protagoniste in un Paese spesso dominato dall’indifferenza e dall’immobilismo”.

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 18 Marzo 2019 11:24

Passeggiata con la luna piena a Breganze

Giovedì 21 marzo 2018 alle ore 20, con partenza da piazza Mazzini (sede Acli di Breganze), il locale Circolo Acli organizza una camminata con la luna piena. Con l'occasione, durante il cammino verrà proposto un entusiasmante racconto di storia del passato. Sollecitiamo l'adesione a mezzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o messaggio al 333 6870642 entro le 17,00 del 21 marzo, indicando nome cognome data di nascita ai fini assicurativi, e il versamento di 50 centesimi alla partenza per i non soci. Si chiede abbigliamento adeguato con pila e giubetto rifrangente.

Pubblicato in Notizie

Si terrà a Longarone il 29 marzo 2019 a partire dalle ore 10, nell'aula magna di Enaip, il convegno "UNA PROPOSTA PER LA SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO: AMPELODESMOS MAURITANICUS" e prevede, tra gli altri, gli interventi di Antonella Canini e Roberto Braglia, professori ordinari dell'Università di Tor Vergata, e Giuseppe Pan assessore all'Agricoltura della Regione Veneto.

L'incontro è organizzato da Acli Terra, in collaborazione con le Acli del Veneto, l'Università di Roma Tor Vergata, Enaip Veneto ed il patrocinio della Regione Veneto.

Il programma prevede:

saluto di Roberto Padrin, sindaco di Longarone e presidente della Provincia di Belluno

saluto di Flavio Cadorin, presidente delle Acli provinciali di Belluno

intervento introduttivo di Andrea Citron, responsabile nazionale ambiente e presidente Acli del Veneto

"La fragilità del territorio", intervento di Antonella Canini, professore ordinario di Botanica, dipartimento di Biologia, delegato dal Rettore all'ambiente ed al territorio, Università di Roma Tor Vergata 

"Ampelodesmos mauritanicus come strumento per il risanamento ambientale", intervento di Roberto Braglia, coordinatore Orto Botanico, dipartimento di biologia, Università di Roma Tor Vergata 

Conclusioni di Giuseppe Pan, assessore agricoltura, caccia e pesca della Regione Veneto

Coordina Antonino Ziglio, presidente nazionale Acli Terra

Pubblicato in Notizie

“La battaglia per le pari opportunità nel mercato del lavoro è ancora molto lunga, – è quanto afferma Agnese Ranghelli, Responsabile del Coordinamento Donne delle Acli – Ecco perché l’8 marzo è un’occasione per ricordare che il welfare da solo non basta, visto che molto spesso è ridotto al solo strumento del part-time, volontario o meno. La percezione femminile di essere discriminate all’ingresso nel mondo del lavoro e durante lo svolgimento della propria professione non è una forma di vittimismo, – prosegue Ranghelli – sono 25.000 all’anno le donne che lasciano il lavoro per la nascita di un figlio. Per contro, il 25% delle donne rinuncia alla maternità per motivi professionali o economici".

La fotografia fornita da Inps e Istat, già di per sé significativa, non rende ancora giustizia alle storie di queste donne costrette ad operare scelte personali spesso laceranti. Accanto a ciò si osserva come le donne siano un motore economico fondamentale per la società di oggi e non solo per il lavoro di cura, difficilmente quantificabile ma che vale 1,5 punti del PIL.

"Ecco perché – conclude la Ranghelli – è più che mai necessario che l’8 marzo resista come ricorrenza celebrativa della donna, perché offre l’occasione di riflettere su temi e problemi economici e sociali che, ancora troppo spesso, non vengono presi in adeguata considerazione dalle forze politiche, dalle istituzioni, dal mondo dell’impresa e dalla società civile”.

Pubblicato in Notizie

"Le periferie (non solo geografiche) sono la vera trincea della democrazia". Lo spiega Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, nel suo ultimo libro "Ghetti. L'Italia degli invisibili, la trincea della nuova guerra civile".
E ne parlerà lunedì 11 marzo alle ore 18.30 al Palaplip di Mestre (Venezia) insieme a Ezio Micelli, urbanista docente all'Università di Venezia, e Cristiano Caltabiano, ricercatore Acli nazionali, progetto "Animazione di comunità ed esplorazione delle periferie".
L'incontro è organizzato dall'associazione Politica Informazione in collaborazione con le Acli del Veneto.

"In Italia si combatte ormai da anni una guerriglia civile tra cittadini dimenticati - scrive Buccini -. Lo Stato sembra aver perso sovranità su vaste aree del territori nazionale: ghetti urbani dove tutto può accadere, buchi neri della nostra convivenza nei quali gli unici vincitori sono il degrado e la criminalità vecchia e nuova (...) Si tratta di passare dalle parole ai fatti. Il futuro d’Italia si gioca a Scampia, Ostia, Corviale, Pioltello, allo Zen, nei Caruggi e alla Diga di Genova, al Moi di Torino, nelle case popolari controllate dal racket, nei quartieri che attendono bonifiche e infrastrutture mai realizzate".

Pubblicato in Notizie